domenica 17 aprile 2011

La Confessione Pasquale - Padre Livio

0 commenti
Eccovi due piccoli aiuti esposti per punti, dati da padre Livio Fanzaga (direttore di Radio Maria Italia) per la confessione pasquale agli iscritti alla Newsletter di Radio Maria:

Un piccolo aiuto, in sette gradini, per la confessione pasquale:
1. Inginocchiati davanti alla Croce, dalla quale viene il perdono dei peccati
e chiedi la grazia di una buona confessione.

2. Fai l'esame di coscienza a partire dall'ultima confessione, mettendo la
tua vita a confronto dei dieci comandamenti e dei precetti evangelici.

3. Esprimi a Gesù il dolore per i tuoi peccati, con i quali hai offeso il suo
amore e tradito la sua amicizia.

4. Fai il proposito di cambiare vita, incominciando ad eliminare i peccati
più gravi.

5. Confessa i tuoi peccati con chiarezza e umiltà, confessando tutti quelli
mortali e almeno alcuni di quelli veniali.

6. Accogli con gratitudine l'assoluzione del sacerdote, che ti dà il perdono
di Gesù e la sua grazia.

7. Fai la penitenza che ti viene data e aggiungi anche qualcosa di tuo, in
riparazione del male commesso. Non dimenticare di esprimere a Gesù la tua
immensa gratitudine.

Si avvicina la Pasqua. Risorgiamo a vita nuova con una bella confessione. Eccovi
il rito del Sacramento della Penitenza:

1. Dopo esserti preparato con la preghiera e aver
fatto l’esame di coscienza, ti presenti per fare la tua confessione. Il
sacerdote ti accoglie invitandoti a fare il segno della
croce:
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Rispondi: Amen.

2. Il sacerdote ti esorta ad esporre con retta
coscienza i tuoi peccati confidando nell’infinita misericordia di
Dio:
Il Signore che illumina con la fede i nostri cuori, ti
dia una vera conoscenza dei tuoi peccati e della sua
misericordia.

Rispondi: Amen.

3. Incominci la tua confessione dicendo da quanto
tempo non ti confessi e esponendo con semplicità, chiarezza, umiltà e brevità
tutti i peccati mortali dall’ultima confessione e almeno alcuni peccati
veniali.


4. Il sacerdote ti può rivolgere alcune domande e
darti dei consigli adatti. Anche tu puoi chiedere dei suggerimenti per il tuo
cammino spirituale o spiegazioni su alcune problematiche che non ti sono
chiare.

5. Il Sacerdote ti esorta a recitare una preghiera che
esprima il tuo pentimento.
Potrai recitare una di queste preghiere: 
   
ATTO DI DOLORE
Mio Dio, mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati,
perché peccando ho meritato i tuoi castighi,
e molto più perché ho offeso te, infinitamente buono
e degno di essere amato sopra ogni cosa.
Propongo col tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato.
Signore, misericordia, perdonami.

O GESU' D'AMORE ACCESO
O Gesù di amore acceso

non ti avessi mai offeso,
o mio caro e buon Gesù
con la tua santa grazia
non ti voglio offendere più
né mai più disgustarti,
perché ti ama sopra ogni cosa. Gesù mio, misericordia.

6. Il Sacerdote, dopo averti proposto la penitenza, ti
dà l’assoluzione con queste parole:


Dio, Padre di misericordia, che ha riconciliato a sé il mondo
nella morte e risurrezione del suo Figlio,e ha effuso lo Spirito Santo
per la remissione dei peccati, ti conceda, mediante il ministero della Chiesa,
il perdono e la pace. E io ti assolvo dai tuoi peccati
Nel nome del Padre e del Figlio E dello Spirito Santo
Rispondi. Amen

Vostro Padre
Livio

0 commenti:

Posta un commento

Dite la vostra

La pagina facebook

Si è verificato un errore nel gadget